• Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo
    Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo

    Il nuovo tributo di bonifica

    Maggiori info
  • la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    Maggiori info
  • EMERGENZA PIOGGIA?
    EMERGENZA PIOGGIA?

    I consorzi di bonifica ci sono!

    Maggiori info
  • Agricoltura e bonifica
    Agricoltura e bonifica

    I Consorzi da sempre a fianco degli agricoltori

    Maggiori info
  • la cura dei corsi d'acqua
    la cura dei corsi d'acqua

    un lavoro costante per la sicurezza idraulica

    Maggiori info
  • Amici della natura
    Amici della natura

    i consorzi di bonifica a difesa dell'ambiente

    Maggiori info

  anbi senese 2.jpgFIRENZE, 13 giugno 2017 - Il nuovo sopralluogo del presidente della Regione Enrico Rossi alle opere per la mitigazione del rischio idraulico in Toscana (dopo Firenze, Pisa, Livorno, Prato e Pistoia) ha riguardato oggi i corsi d'acqua nella provincia di Siena. Ecco l'elenco dei luoghi e degli interventi visitati:

Interventi nel comune di Buonconvento

  • Dopo gli eventi alluvionali degli ultimi anni fra cui quello della fine agosto 2015, la rt con la provincia di Siena grazie alla legge 35 ha attuato il primo stralcio per la mitigazione del rischio idraulico dell'abito da abbonarsi a un secondo lotto la cui gara verrà completata entro la fine dell'anno per un costo complessivo di 1 milione e 600mila euro.
  • Nella stessa zona il consorzio sta realizzando interventi di manutenzione ordinaria dell'Ombrone che consistono nella regolarizzazione delle sezioni di deflusso dell'alveo attivo del fiume che in numerosi punti risultava del tutto compromessa da rinterri e smottamenti di sponda che ne limitavano la portata. Si tratta di lavori realizzati completamente dal personale del Consorzio Bonifica Toscana Sud, in amministrazione diretta, svolti in due fasi principali: la riapertura delle luci del ponte ferroviario in località Il Guado, poco a valle dell'abitato di Buonconvento, e quindi la completa riprofilatura d'alveo del fiume Ombrone nel tratto in cui il fiume compie il periplo del paese.
  • Quindi il ponte Bailey (costo 1 milione 350mila eurostanziati dalla Regione) realizzato in seguito al dissesto del ponte sul fiume Paglia subito nell'ottobre del 2014 e la conseguente chiusura al traffico della strada regionale, a monte e a valle del ponte. Dopo la comunicazione da parte della Provincia di Siena di realizzare un bypass stradale, nelle prossimità del ponte danneggiato, tramite un ponte provvisorio tipo Bailey, i lavori si sono conclusi a fine aprile 2017. A seguito dell'acquisizione delle competenze da parte della Regione in materia di progettazione e esecuzione degli interventi sulle strade regionali, nel corso del 2016 la Provincia di Siena ha redatto il progetto di fattibilità tecnica ed economica per l'intervento di realizzazione del nuovo viadotto sul Paglia, di cui al momento sono al vaglio alcune possibili soluzioni.

Interventi di mitigazione del rischio idraulico degli abitati di Taverne d'Arbia e Arbia

  • Si tratta della realizzazione di una cassa di laminazione in linea sul Borro del Casini, nei pressi del centro abitato di Taverne d'Arbia, e da un sistema di arginature di contenimento dei livelli di piena duecentennali del Torrente Arbia che rigurgita nel Borro del Casino. Il sistema di opere è pensato per completare la protezione dalle piene duecentennali iniziata con la realizzazione dell'arginatura in destra idraulica sul Torrente Arbia realizzata nella stessa zona dalla Provincia di Siena. La cassa in linea ha lo scopo di contenere le portate di piena duecentennali del Borro del Casini e rilascia solamente la portata che è in grado di essere smaltita dagli attraversamenti posti subito a valle della cassa, evitando quindi l'allagamento diretto della viabilità e l'allagamento indiretto del centro abitato posto a quota sfavorevole rispetto al livello del piano strada. Il costo complessivo delle opere ammonta a1 milione e 250mila euro.
  • E' inoltre in corso di finanziamento il completamento dell'arginatura in destra idraulica del Torrente Arbia di cui è in fase di realizzazione il primo lotto, ad opera della Provincia di Siena. Il finanziamento nell'ambito del Bando portato avanti dal Comune di Siena ammonta a 600mila euroed è stato regolamentato in via generica attraverso una Convenzione stipulata dalla Regione Toscana e dal Comune di Siena. A tale convenzione dovrà seguire un ulteriore documento per regolamentare il passaggio del finanziamento dal Comune alla Regione. Nella Convenzione la Regione Toscana si impegna a completare l'arginatura destra sul Torrente Arbia sia a monte che a valle. Di queste opere risulta già presente un progetto definitivo redatto dalla Provincia di Siena, approvato in conferenza dei servizi. Nell'ambito di questo finanziamento sarà redatto il progetto esecutivo del secondo lotto.

Lavori di manutenzione ordinaria del torrente Arbia

  • Gli interventi realizzati a Ponte d'Arbia consistono in due perizie, una tesa al miglioramento del deflusso a valle delle piene del fiume, regolarizzando le sezioni di deflusso dell'alveo fino alla confluenza con il torrente Sorra, luogo che in passato ha creato numerosi problemi a causa dei rinterri ed occlusioni presenti lungo le sponde dei corsi d'acqua.
  • L'altra perizia consiste in un consolidamento spondale in realizzazione subito a monte del ponte sulla Strada regionale Cassia, con massi ciclopici messi in opera dagli operai coordinati dai tecnici del Consorzio Bonifica Toscana sud, opera che andrà a difendere la sponda destra del corso d'acqua proprio nelle adiacenze dell'abitato di Ponte d'Arbia.
  • Ci sono poi i lavori realizzati in stretta collaborazione con l'Ufficio Tecnico del Comune di Siena e l'Ufficio del Genio Civile, a completamento delle opere in esecuzione da parte di quest'ultimo, nella zona a valle del ponte ferroviario della linea Siena Asciano, consistenti in taglio di manutenzione delle essenze presenti in alveo, riprofilatura dell'alveo del fiume Arbia per circa 1 chilometro a valle del ponte stesso e la manutenzione di due collettori fondamentali per l'equilibrio e sicurezza idraulica del centro abitato.
  • Si tratta di lavori realizzati come tanti altri nella zona, in amministrazione diretta con fondi provenienti dal bilancio consortile (tributo). Importo complessivo 85 mila euro.

Cassa di espansione di Santa Giulia (Monteriggioni)

  • L'intervento costituisce una delle opere previste dall'Autorità di bacino attraverso il "Piano di Bacino Riduzione Rischio Idraulico" per la messa in sicurezza idraulica del fiume Elsa e la laminazione delle piene del fiume Arno. La cassa di espansione occupa una superficie di circa 61 ettari in destra idraulica del fiume Elsa nel comune di Monteriggioni. Gli argini si estendono complessivamente per circa 3 km per un volume di terreno complessivo di circa 130.000 mc ricavato da compensi e modellazioni locali. La capacità d'invaso per l'evento duecentennale è di circa 950.000 mc, e riduce la portata massima in alveo di circa 60 mc/s da 320 mc/s a 260 mc/s, adducendo benefici, oltre che nelle aree limitrofe, anche nel tratto di valle tra Poggibonsi e Certaldo. L'opera costituisce il primo lotto (per 1 milione e 670mila euro) e principale di una cassa di laminazione più ampia con un secondo modulo verso valle e un terzo modulo realizzabile attraverso il sovralzo delle arginature. L'importo totale dell'opera è di 3 milioni e 300mila eurodi cui 213mila euro della Provincia di Siena. La fine dei lavori è prevista per aprile 2018.

Lavori sul fiume Elsa e i principali affluenti (Certaldo/ Poggibonsi)

  • Si tratta di lavori finanziati dalla Regione per350mila euro e attuati dal Consorzio di bonifica 3 Medio Valdarno. Avviati il 28 agosto del 2014 sono terminati a maggio. E' stato realizzato il ringrosso per 2,5 chilometri dell'arginatura esistente con terre provenienti da lavori di manutenzione fluviale o da altre opere di pubblica utilità. Cantieri anche tra Poggibonsi e Certaldo compresa l'area empolese dove si trova la confluenza dell'Elsa in Arno. Infine, è stato costruito un muro di sponda di 100 metri nei pressi di Via Lama e la manutenzione e l'adeguamento dei manufatti di scolo delle acque presenti.

Testo in collaborazione con Chiara Bini  (Toscana Notizie)

Credits