• Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo
    Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo

    Il nuovo tributo di bonifica

    Maggiori info
  • la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    Maggiori info
  • EMERGENZA PIOGGIA?
    EMERGENZA PIOGGIA?

    I consorzi di bonifica ci sono!

    Maggiori info
  • Agricoltura e bonifica
    Agricoltura e bonifica

    I Consorzi da sempre a fianco degli agricoltori

    Maggiori info
  • la cura dei corsi d'acqua
    la cura dei corsi d'acqua

    un lavoro costante per la sicurezza idraulica

    Maggiori info
  • Amici della natura
    Amici della natura

    i consorzi di bonifica a difesa dell'ambiente

    Maggiori info

Valdarno, 10 ottobre 2018 - Mentre procedono velocemente i lavori di manutenzione ordinaria previsti sul reticolo idraulico di competenza, il Consorzio Alto Valdarno ha programmato un fitto calendario di incontri con i sindaci e gli amministratori delle aree che compongono il comprensorio, per discutere con loro necessità, urgenze e interventi da programmare per il 2019. Le “consultazioni” sono partite questa settimana interessando tutti i comuni del Valdarno: una delle vallate più complesse e delicate dal punto di vista morfologico ed idrogeologico.

Tanti gli appuntamenti in agenda per il Presidente Paolo Tamburini, il Direttore Generale Francesco Lisi e la responsabile del settore difesa Idrogeologica Ingegner Serena Ciofini, che si sono confrontati con  i Sindaci ed i rappresentanti di tutti i comuni dell’area. L’occasione è servita, oltre che per raccogliere nuove indicazioni, per presentare lo stato di attuazione dell’attività pianificata per il 2018. Se si escludono i tre lotti ancora in fase di assegnazione o di approvazione, lo stato di attuazione medio ha superato il 71 per cento, con cinque lotti su quindici già del tutto completati. 

Tra questi figurano il piano degli sfalci e dei tagli selettivi che ha interessato, nel Valdarno aretino, Montevarchi, Terranuova, Cavriglia, Bucine, Castelfranco-Piandiscò, e, nel versante fiorentino, Figline-Incisa Valdarno per un importo complessivo che sfiora i 171 mila euro; la rimozione dei sedimenti dal Borro di Spedaluzzo, cofinanziata dal comune di Montevarchi e costata complessivamente circa  51 mila euro; la sistemazione delle opere e gli espurghi dei corsi d’acqua di Figline-Incisa Valdarno, Rignano e Reggello per un investimento che supera i 107 mila euro. 

Sono in dirittura d’arrivo gli interventi di diradamento della vegetazione su altri corsi d’acqua di Montevarchi, San Giovanni, Cavriglia e Figline-Incisa Valdarno: operazione da oltre 154 mila euro completata al 90 per cento. A buon punto la manutenzione dell’Arno nel comune di San Giovanni: il 75 per cento dell’intervento da 132.500 euro è fatto. E’ a metà invece la “cura” dei corsi d’acqua della Valdambra su cui il Consorzio ha investito circa 130.000 euro, come realizzato al 50% è il lavoro di rimessa in forma di alcuni tratti del reticolo idrografico di Terranuova Bracciolini, Loro Ciuffenna e Castelfranco-Piandiscò, a cui è stato destinato un importo di oltre 151 mila euro. 

A questo si aggiunge il restyling da 164.500 euro che, a Montevarchi, San Giovanni, Figline-Incisa Valdarno, Rignano e Reggello,  ha già superato il giro di boa. E’ partito da poco invece il lotto da 92 mila euro, per il ripristino delle opere e la rimozione dei sedimenti in alcuni punti del territorio di San Giovanni, Terranuova, Castelfanco-Piandiscò. Infine sono in fase di assegnazione i lavori da 42 mila euro per contenere la vegetazione che invade alvei e sponde nei comuni di Terranuova e Loro Ciuffenna e i tagli selettivi sull’argine leopoldino dell’Arno tra San Giovanni e Montevarchi per una spesa di quasi 74 mila euro. 

Soddisfatto il Presidente Tamburini che ha commentato: “Gli Amministratori Comunali riconoscono al Consorzio efficienza e professionalità e lo considerano un punto di riferimento strategico per  la difesa idrogeologica del territorio.  Un ottimo punto di partenza per l’Alto Valdarno che, da un lato, continuerà a lavorare per migliorare la sua organizzazione interna e per dare risposte sempre più rapide ed efficaci, dall’altro, si impegnerà in un confronto costante  con i comuni, importanti partner per una gestione corretta e attenta dei corsi d’acqua e della sicurezza del territorio. L’iniziativa ci è servita anche per raccogliere importanti indicazioni per mettere a punto il nuovo piano delle attività 2019 che deve essere sempre più aderente alle attese dei cittadini”.

Credits